Rilasciata OSGeo-Live 6.0: un sistema operativo ricco di software liberi per applicazioni geografiche

E’ stato rilasciato oggi OSGeo-Live 6.0, “un DVD, unità USB o Virtual Machine avviabile basato su Xubuntu, che permette di provare una grande varietà di software a sorgente aperta senza installare nulla. È composta interamente di software libero, che permette di distribuirlo, duplicarlo e passarlo in giro liberamente.”

boot select

Fornisce software preconfigurati per una serie di utilizzi nel campo geospaziale, includendo archiviazione, pubblicazione, visualizzazione, analisi e gestione dei dati. Inolte contiene dati di esempio e documentazione.

Nel sito, con traduzione in 11 lingue, sono presenti un’ottima introduzione, l’elenco dei software e delle applicazioni contenuti in OSGeo-Live 6.0 e ovviamente la pagina per il download.

Gli strumenti disponibili coprono praticamente tutte le esigenze per la gestione, elaborazione e condivisione di dati e informazioni territoriali.

Si va da client per browser internet (ex. Openlayers) a Gestori di Crisi (es. Ushahidi), database (es. PostGIS, SpatiaLite), desktop GIS (es. QGIS, GRASS), strumenti per navigazione e mappe (es. GpsDrive, OpenStreetMap), strumenti spaziali per ETL – Extract, Transform and Load (GeoKettle), strumenti per la conversione di dati geospaziali (GDAL/OGR), per la programmazione statistica (R), per servizi web WMS, CSW, WPS … (es. GeoServer, Geonetwork, 52°North) tutti rigorosamente open source.

Inoltre sono presenti alcuni set di dati già disponibili per essere utilizzati e manuali d’uso anch’essi tradotti in varie lingue.

E’ sicuramente un’ottima opportunità per testare applicazioni e servizi senza appesantire il proprio computer e senza doversi troppo preoccupare di settaggi e dipendenze dei vari pacchetti.

Ho scaricato e sto testando la Virtual Machine in Virtual Box (qui le istruzioni per l’installazione), e funziona tutto a meraviglia. Unica avvertenza che mi sento di dare è di calibrare attentamente la RAM da dedicare alla Virtual Machine rispetto a quella del computer: se si esagera nell’assegnarne alla Virtual Machine, il rischio è di rallentare il pc fino a renderlo inutilizzabile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...